FURTI E TRUFFE A RIVOLI, INCONTRO CON I CARABINIERI

RIVOLI – Dal mese di settembre è ripartito, con cadenza settimanale, il ciclo di incontri pianificati in tutta la provincia dal Comando Provinciale di Torino teso a dare informazioni e consigli utili ai cittadini su come difendersi da furti e raggiri. Gli incontri riflettono a pieno lo spirito di prossimità e la marcata predisposizione all’ascolto che l’Arma dei Carabinieri vuole affermare in maniera concreta giorno per giorno.

Consapevoli del fatto che talvolta i cittadini, per ragioni varie, abbiano difficoltà o siano restii a recarsi presso le caserme dell’Arma a chiedere consigli e informazioni, oppure a rappresentare circostanze sospette e meritevoli di approfondimento, i Carabinieri hanno deciso di incrementare la loro presenza all’esterno, non solo proiettando le tradizionali pattuglie atte al controllo del territorio, ma tenendo dei veri e propri servizi d’ascolto per recepire le istanze e le segnalazioni della popolazione e allo stesso tempo divulgare preziosi consigli.

I luoghi prediletti sono le sale consiliari comunali, le sedi dei centri anziani e delle università dell’età libera, gli oratori delle parrocchie e l’invito a partecipare è rivolto a tutti, in particolare, ovviamente, alle persone in età più avanzata, purtroppo facilmente raggirabili da malintenzionati ladri e truffatori.

Nel corso dei numerosi incontri già effettuati sinora ad Alpignano, Caselette, Collegno, Grugliasco e Rivoli i Carabinieri illustrano le più ricorrenti metodologie di raggiro poste in essere da sedicenti avvocati o appartenenti alle Forze di Polizia; finti tecnici dipendenti da enti incaricati di fornire servizi quali acqua, luce e gas che, con il pretesto di dover riscuotere il risarcimento per fantomatici danni cagionati da un figlio o da un nipote ubriaco alla guida; ovvero con il pretesto di dover effettuare riparazioni all’impianto idrico o di accertare una fantomatica perdita di gas, approfittano per asportare denaro contante, monili ed altre utilità.

I consigli dati dai militari dell’Arma ai cittadini sono sempre gli stessi: in prima battuta è opportuno non aprire mai la porta agli sconosciuti, anche se questi si professano quali tecnici o appartenenti alle Forze dell’ordine; diffidare dell’esibizione di tesserini; non fidarsi di chi adoperando modi gentili e cortesi chiede denaro oppure la dazione di gioielli e preziosi, dal momento che nessun ente e nessuna forza di polizia può inviare propri addetti porta a porta a riscuotere pagamenti, men che meno gli stessi pagamenti possono avvenire in denaro liquido o addirittura sotto forma di baratto, mediante consegna di monili e preziosi.

Ad ogni modo, in ogni situazione sospetta è sempre opportuno richiedere immediatamente l’intervento di una pattuglia dei Carabinieri attraverso il numero unico d’emergenza 112 e comunque denunciare sempre al più presto gli episodi consumati o anche semplicemente tentati. In tale quadro si è inserita anche l’iniziativa del 31 ottobre tenuta a Rivoli presso la sala consigliare della vecchia sede del Municipio, alla presenza del Sindaco, dei comitati di quartiere, dell’Università della Terza Età e di numerosissimi cittadini che hanno inteso liberamente prendere parte all’iniziativa.

Tanti i consigli elargiti, tante anche le domande rivolte dai cittadini e numerosi gli spunti e le segnalazioni prospettate ai Carabinieri nell’ambito di una iniziativa destinata a ripetersi sempre più spesso in tutti i comuni ricadenti nella competenza della Compagnia Carabinieri di Rivoli.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *