GRUGLIASCO, PROSEGUONO I LAVORI PER LA NUOVA SCUOLA LUXEMBOURG

dall’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI GRUGLIASCO

GRUGLIASCO – Sono iniziati nella giornata di ieri, lunedì 27 luglio, i lavori di demolizione della vecchia scuola materna Luxemburg di via Don Caustico, in un’area bonifcata mesi fa dall’amianto e ora pronta ad ospitare una nuova scuola, più funzionale, efficiente e sicura dal punto di vista antisismico. Terminati i lavori di bonifica e demolizione, partirà il cantiere per la ricostruzione della nuova Luxemburg, per realizzare quel progetto di scuola costruito e condiviso con rappresentanze, genitori e docenti che compongono l’Autonomia Scolastica e il Consiglio di Istituto.

La nuova scuola conterrà quattro classi da 25 bambini, ma anche nuovi spazi per dormitori, una mensa e una sala polivalente accessibile anche dall’esterno (fuori orario scolastico). Si provvederà dunque alla riqualificazione completa del giardino e del verde, realizzando un edificio a bassissimo impatto energetico. I costi per le opere di demolizione saranno di 381.607 euro, mentre per la ricostruzione ne serviranno 3.162.000 euro. I finanziamenti sono per oltre 2.792.000 euro garantiti dal comune di Grugliasco, mentre i restanti 751.329 euro arriveranno dalla Regione Piemonte. Dopo la ricostruzione della scuola la ripresa dell attività scolastiche nella scuola nuova è fissata per gennaio 2022.

“Nonostante la pausa forzata dovuta all’emergenza sanitaria Covid-19, i tempi di demolizione e di realizzazione della nuova scuola, a borgata Fabbrichetta, saranno rispettati”- afferma sodddisfatta l’Assessore all’Istruzione Emanuela Guarino. “Si è scelto di effettuare le demolizioni, proprio durante il periodo estivo e prima dell’inizio delle lezioni a settembre per evitare rumori e problemi dovuti alle lavorazioni. Ora l’iter prosegue. Dopo le demolizioni i lavori proseguiranno con le attività di rimozione delle fondazioni e la predisposizione dello scavo preparatorio per l’inizio del secondo lotto che prevede la costruzione del nuovo fabbricato tanto atteso per cui sono già stati affidati i lavori alla nuova impresa costruttrice”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *