TETTI E FACCIATE / ECCO “PREFALZ”: LA COPERTURA PERFETTA, ANCHE IN PROVINCIA DI TORINO

Un materiale semplice, di qualità e resistenza, ideale per la vostra casa. Da Prefa è disponibile Prefalz, la copertura perfetta per i vostri tetti. Grazie alla sua duttilità, Prefalz è più facile da lavorare rispetto alla maggior parte dei materiali analoghi. Esso offre al progettista molteplici opportunità creative per la realizzazione di tetti e facciate. Osservate bene questa casa privata, completamente rivestita in Prefalz grigio chiaro, in provincia di Cuneo.

Il materiale Prefalz è molto versatile. Può essere utilizzato dal tetto centinato fino alle costruzioni più complesse, come cupole o tetti di grandi dimensioni a partire da 7° di pendenza. La sua superficie può essere liscia o goffrata. Inoltre, Prefalz non arrugginisce! Infatti, il materiale ha una durata molto più elevata rispetto agli altri materiali ed è completamente riciclabile.

Su richiesta è anche disponibile con una pellicola protettiva (per la versione liscia). Il materiale è facilmente lavorabile anche con le basse temperature ed è resistente alle sollecitazioni. Una delle sue caratteristiche è quella di non rilasciare metalli pesanti.

La lega, le caratteristiche e la verniciatura sono stati concepiti per la lavorazione con la tecnica di aggraffatura. Infine, Prefalz è un prodotto non infiammabile.

Per ulteriori informazioni, o altri materiali, è possibile consultare il sito www.prefa.com. Ricordiamo inoltre che Prefa sarà protagonista come ospite in varie fiere in giro per l’Italia. Proprio per questo vi segnaliamo l’evento Klimahouse, dal 22 al 25 gennaio, a Bolzano. La kermesse ispira 36.000 visitatori di tutta Italia alla ricerca di novità nel settore. Sono 450 gli espositori e oltre 150 appuntamenti in soli quattro giorni. Klimahouse innova, dando ampio spazio alle novità e alle giovani imprese.

Prefa
Consulente tecnico Piemonte (To/Cn): ANTONIO IANNETTI
Cell: 334 9098471
Mail: antonio.iannetti@prefa.com
www.prefa.com

(Informazione pubblicitaria a cura della New Press)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *