PERCHÉ PROTEGGERE L’ALLATTAMENTO? LE RISPOSTE DEI MEDICI ASL TO3

dall’UFFICIO STAMPA DELL’ASL TO3

AVIGLIANA / SUSA – Perché proteggere, sostenere, supportare l’allattamento materno? In occasione della SAM 2021, la Settimana Mondiale dedicata all’Allattamento, che si celebra ogni anno a inizio ottobre, l’Asl To3 ha raccolto in un video le risposte degli operatori del Dipartimento Materno Infantile.

Il video, pubblicato sul sito dell’AslTo3 al link https://youtu.be/RS9lVn3K344 e sui canali social dell’Azienda Sanitaria, ribadisce l’importanza dell’allattamento, determinante per la salute e il benessere della donna e del bambino, attraverso le voci delle figure professionali che operano all’interno del dipartimento: ostetriche, infermiere pediatriche, ginecologi, pediatri e neuropsichiatri infantili.

Una risposta corale, che vuole lanciare il messaggio della condivisione delle strategie di promozione, protezione e sostegno all’allattamento oltre i confini del dipartimento e dell’azienda stessa. Al di là del supporto individuale infatti, che pure è importante, l’invito è a considerare l’allattamento una questione di salute pubblica, che coinvolge tutti i contesti sociali, come suggerisce il motto scelto per la Sam 2021: “Proteggere l’allattamento: una responsabilità da condividere”.

Quest’anno inoltre ricorre il quarantennale dell’emanazione del Codice Internazionale sulla Commercializzazione sui Sostituti del Latte Materno. Nato per assicurare che la pubblicità di prodotti commerciali non possa competere con la promozione dell’allattamento e per garantire che tutti i genitori ricevano informazioni aggiornate, coerenti e indipendenti sull’alimentazione dei loro bambini, il Codice ha permesso, insieme alle altre politiche di sostegno all’allattamento, un aumento del 50% della diffusione dell’allattamento esclusivo al seno negli ultimi quattro decenni, da cui, si stima, un numero di 900 milioni di neonati, a livello globale, che ha goduto di miglioramenti in termini di sopravvivenza, crescita e sviluppo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *