RIVOLI RICORDA LA TRAGEDIA DI CHERNOBYL

di LAURA ADDUCE (vice sindaco di Rivoli – pubblicato su Facebook)
RIVOLI – Il disastro nucleare di Chernobyl non è ancora un capitolo chiuso. Il 26 aprile 1986 esplose il reattore numero 4 della centrale sovietica di Chernobyl, sprigionando nubi di polveri radioattive. Purtroppo, a 35 anni di distanza, le conseguenze di quella catastrofe, che causò morti e migliaia di decessi per tumori, restano.
Le cause dell’incidente, che l’Urss tentò di insabbiare, sono da attribuire a una somma di incredibili errori umani. Il materiale radioattivo non è mai stato rimosso e le radiazioni, che continuano a disperdersi nell’ambiente, uccidono ancora oggi.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *