CORONAVIRUS, ALL’OSPEDALE DI RIVOLI NON CI SONO PIÙ PAZIENTI IN TERAPIA INTENSIVA

dall’UFFICIO STAMPA ASL TO3

RIVOLI – Da questa mattina, grazie al miglioramento delle condizioni di salute dell’ultimo malato ricoverato, la Rianimazione dell’ospedale di Rivoli non ospita più pazienti positivi ed è quindi finalmente “Covid free”.

È un passaggio dal grande significato simbolico e che segue di qualche giorno quanto avvenuto all’ospedale di Pinerolo, che già dall’inizio del mese di giugno non ha più pazienti ricoverati in terapia intensiva. In precedenza era stato l’ospedale di Susa a festeggiare le dimissioni dell’ultimo paziente, chiudendo del tutto il reparto Covid. La costante diminuzione dei pazienti positivi ricoverati sta consentendo così di ripristinare progressivamente le attività ordinarie.

A Rivoli la scorsa settimana sono stati riaperti i due reparti di Medicina Generale situati al terzo piano, mentre già a maggio erano stati liberati Ortopedia e Urologia che hanno ripreso, seppur in modo graduale, con la chirurgia e con le degenze. Oggi nell’ospedale resta un solo reparto riservato ai pazienti Covid, all’ottavo piano, con dieci ricoverati totali. Nel picco epidemico tra la fine di marzo e l’inizio di aprile l’ospedale ospitava più di 160 pazienti positivi, 19 dei quali in Rianimazione.

“Un ulteriore importante tassello si va ad aggiungere ai segnali confortanti di queste ultime settimane, che sono arrivati dopo mesi durissimi per gli operatori sanitari e per tutto il personale. Possiamo proseguire sulla strada di un graduale ritorno alla normalità, mantenendo sempre le necessarie precauzioni per permettere lo svolgimento delle attività sanitarie in sicurezza” – afferma il Direttore Generale dell’Asl To3 Flavio Boraso.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *