Scoperta terribile sulle sigarette elettroniche, buttala subito: ecco cosa contengono

Le sigarette elettroniche sono il trend degli ultimi anni: molti son convinti che non faccia male, ma la verità è ben diversa da ciò che crediamo.

Le recenti scoperte a seguito di analisi condotte in modo specifico e accurato hanno portato alla luce un’altra verità, sia sul contenuto del prodotto che su ciò che potrebbe essere la conseguenza diretta per la salute. Informarsi a riguardo è importante perché chiarisce la base sostanziale che dovrebbe spingere tutti a smettere di fumare.

cosa contengono sigarette elettroniche
Sigarette elettroniche, cosa contengono veramente/Foto Editorially Srl (cinturaovest.it)

Secondo quanto emerso dai recenti studi infatti coloro che fumano stanno inalando sostanze fortemente tossiche pericolose per il corpo, perché possono causare delle malattie croniche e ci si aspetta un’incidenza molto elevata nei prossimi venti anni.

Scoperta terribile sulle sigarette elettroniche: cosa contengono veramente

La questione è delicata dal momento che alcuni ricercatori irlandesi hanno sfruttato l’intelligenza artificiale per poter capire come funziona il sistema e cosa c’è da aspettarsi per il prossimo periodo. Anche quelle con i vapori aromatizzati che sembrano tanto innocue, non lo sono affatto. Sono pericolose come tutte le altre. Che siano quindi quelle con vapore o con aspirazione c’è comunque un margine di pericolo per la salute.

I liquidi impiegati contengono cocktail di sostanze tossiche che, quando vengono riscaldate e poi aspirate, sono molto pericolose per la salute. Lo svapo quindi ha dei rischi diversi da quelli delle sigarette tradizionali ma non fa meno male ed è questo il punto chiave da chiarire. Molti infatti pensano siano utilizzabili senza problemi. Secondo l’IA, in base ai composti utilizzati, è possibile sviluppare una malattia polmonare ostruttiva cronica, patologie cardiovascolari e tumori con incidenza elevata.

cosa contengono sigarette elettroniche
Perché la sigaretta elettronica fa male/Foto Canva (cinturaovest.it)

La ricerca ha anche collegato l’uso della sigaretta elettronica con malattie gengivali e insufficienza cardiaca. Questo trend avrà un impatto importante e ci si renderà conto del danno troppo tardi, quando avverrà la manifestazione di quello che stiamo vivendo oggi. Secondo i medici dello studio è plausibile considerare una nuova ondata di malattie in un tempo che va da 15 a 20 anni a partire da oggi, quindi relativamente a tutti coloro che stanno impiegando queste alternative alla sigaretta tradizionale.

Oggi esistono circa 40 mila gusti da vaporizzare differenti, questo ha spinto anche moltissimi giovani ad adottarne il consumo, cosa piuttosto pericolosa al momento. All’interno si contano ben 180 sostanze chimiche diverse che vengono riscaldate a temperature significative insieme ad aromi e miscele contenute. Il tutto poi viene inalato nell’organismo. Alcuni aromi sono derivanti dall’industria alimentare ma non sono fatti per essere riscaldati e inalati, come fanno notare gli specialisti.

Il modello sviluppato dall’AI ha esaminato le sostanze e anche il grado in cui questi composti vengono trasformati una volta che sono riscaldati. Ben 127 sostanze hanno ricevuto il grado massimo come tossiche in modo acuto, altre pericolose per la salute e altre ancora irritanti. Tra questi vanno segnalati i carboni volatili che hanno effetti severi per la salute umana.

Impostazioni privacy