CORONAVIRUS: COLLEGNO, 10MILA EBOOK “PER RESTARE A CASA”

dall’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI COLLEGNO

COLLEGNO – Le Biblioteche civiche del Sistema Bibliotecario dell’Area Metropolitana di Torino (SBAM) attraverso la piattaforma di prestito digitale MediaLibrary OnLine (MLOL), in questo periodo di emergenza, aprono a tutti i cittadini il loro catalogo digitale e offrono l’accesso a oltre 10.000 e-book da leggere su computer, smartphone o tablet, più di 7.000 giornali e riviste da tutto il mondo, compresi i principali quotidiani nazionali, da leggere online e più di trecento audiolibri e 120.000 album musicali da ascoltare in streaming.

Dichiara il Sindaco Francesco Casciano: “Per combattere il contagio è necessario attivare tutti gli strumenti disponibili, soprattutto quelli della cultura e del sapere: da oggi apriamo il nostro sistema bibliotecario anche a chi non è iscritto e facciamo conoscere a tutta l’area metropolitana un servizio vastissimo a disposizione dei cittadini che rispettano le regole e restano a casa”.

Fino al 30 aprile anche coloro che non sono ancora iscritti in biblioteca e che risiedono in uno dei comuni dell’area metropolitana torinese, potranno accedere gratuitamente al servizio di prestito digitale attraverso una semplice pre-iscrizione online. Al momento della pre-iscrizione, si riceveranno le credenziali di accesso per poter consultare e utilizzare le risorse presenti sulla piattaforma digitale “MLOL” per un periodo di trenta giorni, al termine del quale, per continuare ad utilizzare il servizio e scoprire le altre opportunità offerte dal sistema bibliotecario, sarà necessario recarsi in una qualsiasi delle biblioteche SBAM e convalidare gratuitamente l’iscrizione.

L’Assessore alle Politiche Culturali Matteo Cavallone: “Collegno è Città capofila in questo progetto, molto importante sia per rendere il servizio all’avanguardia con i nuovi mezzi tecnologici, sia per superare il momento di emergenza riavvicinando le persone alle nostre biblioteche. È un’occasione per conoscere un servizio, scoprire nuovi libri e far crescere la propria cultura”.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *