DENTISTA AD ALPIGNANO: DA “VDENT” LA GUIDA PER L’IGIENE ORALE

ALPIGNANO – Il sorriso è vita. È questo il claim di Vdent, lo studio dentistico che pone al centro i pazienti. Basta varcare la soglia della clinica odontoiatrica per capire che tutto è studiato per dare il giusto valore alle persone: dalla competenza dei medici, specialisti accreditati che accolgono i clienti con cortesia e che studiano per ognuno la soluzione più adatta, alle tecnologie innovative e costantemente monitorate che garantiscono risultati sicuri, in breve tempo e a costi contenuti.
Il dottor Cosimo Del Curatolo, specialista in ortodonzia e la dottoressa Daniela Di Nurra, igienista, ci spiegano quanto è importante avere denti perfetti per la salute generale dell’individuo:
“È fondamentale masticare bene ed avere una igiene orale efficiente. Se la masticazione è buona l’operazione digestiva viene facilitata. Nella bocca, infatti, si prepara la futura digestione2.

Che cos’è l’ortodonzia invisibile?
“Si tratta di un dispositivo in poliuretano che può essere utilizzato indistintamente dai bambini, dagli adulti e dagli anziani. L’apparecchio è una sottile guaina trasparente e praticamente invisibile che non è affatto invasiva e quindi è facile da portare. È inoltre versatile e si adatta ad ogni esigenza del paziente perché è realizzato sulle sue impronte dentarie e il medico, con la stessa base, può far muovere i denti in funzione delle necessità”.

Quali sono i vantaggi dell’impiego di questo dell’apparecchio invisibile?
“Essendo customizzato, è progettato per far fare ai denti determinati movimenti. L’apparato funziona con un meccanismo a step e in media ogni 15 giorni la coppia di mascherine, una per l’arcata superiore ed una per quella inferiore, viene sostituita con un’altra che riprende il lavoro fatto dalla pre- cedente e lo prosegue”.

A chi lo consiglia?
“Agli adolescenti, che preferiscono una mascherina poco evidente ed esteticamente non invasiva, agli adulti che non hanno piacere di avere un apparecchio che si vede e che può disturbarli nella loro vita sociale e ai bambini che con i dispositivi tradizionali non riescono a pulire bene i denti. Essendo removibile, infatti, questo tipo di apparato deve essere tolto quando si mangia e per effettuare l’igiene orale in modo da evitare la formazione di carie e gengiviti”.
Ci sono effetti collaterali?
“Praticamente nessuno. È però importante che il paziente collabori e tenga la mascherina durante tutto il periodo prescritto e non solo quando non è in pubblico o di giorno. Più la si tiene, infatti, e più il suo lavoro sui denti agisce”.
Mediamente per quanto tempo si utilizza questo tipo di apparecchio?
“Dipende dalla problematica della persona, ma si va dal semestre al quinquennio”.
Dottoressa Di Nurra, quante volte al giorno occorre lavare i denti e come?
“Le ultime linee guida sono cambiate. Un tempo si consigliava di effettuare la pulizia dopo ogni pasto. Poiché i batteri impiegano 24 ore per formarsi nel cavo orale, basta invece lavarli la sera e la mattina, ma nel modo corretto, perché la saliva è un ottimo detergente! Di notte produciamo poca salivazione e alle 4 del mattino c’è il picco più basso, per cui la pulizia più importante è quella prima di andare a dormire”.
Perché è fondamentale un’attenta igiene orale?
“Perché la prima forma di digestione arriva dalla bocca. Inoltre i batteri del cavo orale sono legati a malattie sistemiche quali diabete, aborti spontanei, patologie del cuore e si stanno effettuando studi per valutare una correlazione tra la scarsa igiene orale e il Mor- bo di Alzheimer e le malattie autoimmuni”.
Cos’è il tartaro?
“È l’indurimento della placca che si forma a causa dei batteri. Non è una malattia, ma se ci sono problematiche, le può peggiorare notevolmente”.
Meglio lo spazzolino tradizionale o quello elettrico?
“Vanno bene entrambi, ma a parità di impiego quello elettrico è più efficace perché, grazie alle testine rotanti, effettua automaticamente dei piccoli cerchi. Inoltre è più adatto per chi ha denti storti o molto ravvicinati. A prescindere dallo strumento, occorre lavarsi per due minuti effettuando, appunto, delle rotazioni”.
Ogni quanto consiglia di sottoporsi ad una visita con l’igienista?
“Se la bocca è sana, ogni sei mesi, se invece ci sono problematiche parodontali, ogni tre o quattro mesi. Desidero ricordare che il sanguinamento è indice di infiammazione, per cui è bene non trascurarlo e consultare un medico. Il collutorio, infatti, non è sufficiente a risolvere questa problematica”.

VDent Alpignano
Via Migliarone 2 – Alpignano (TO)
Tel. 011/0682258
Facebook Vdent

(Informazione pubblicitaria a cura della New Press)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *