PALIO DI ALPIGNANO, TUTTI I NUMERI DELLA MANIFESTAZIONE

dal COMUNE DI ALPIGNANO

ALPIGNANO – Dopo aver presentato il programma degli eventi del palio, a cui i cittadini possono solo assistere,
vediamo quali sono le attività culturali e le proposte a cui è possibile anche prendere parte:

Salone ex Opificio Cruto: Mostra “Magiche rose” di Luciana Turello e le sue allieve; Mostra di carri e attrezzi agricoli in scala 1 a 5 realizzati da Giuseppe Croce;
Terrazzo Biblioteca: Musiche e danze d’epoca Gruppo Folk “La Girolina” e Studio Danza Visconi; Stand del Borgo Vecchio;
Lavatoio: Punto ristoro “L’Oca-nda”;
Via Matteotti (angolo ex Riberi): Gruppo Pittorico Gian Luca Pinzi;
Cortile ex Riberi: I giochi dell’Arca – Ritrattista, lettura del viso e alchimia astrologica – Giochi di
prestigio;
Via Matteotti (di fronte ex Riberi): Le Antiche Corporazioni;
Via Matteotti (angolo via Marietti): Cooperativa Sociale Frassati (giochi e gogna);
Via Marietti: stand Consulta Giovani Alpignano e Consulta Disabilità Alpignano, Associazione
Commercianti e Artigiani di Alpignano;
Oratorio San Martino: Locanda “Castello”;
Castello (parte bassa): Corte del Conte Provana, Gruppi Nobiliari – Accampamento gruppi storici militari del 1678; La Compagnia del Coniglio; Antichi mestieri 1600 “Exercitus Draconis”, Stand Borgo San Giacomo;
Giardino delle rose (Castello): Scuola di arco e scherma antica per bambini;
Vialetti del Castello: Gioco del Kubb – Dame dell’Ago – I Cantastorie di Alpignano;
Castello (Frutteto): Accampamento Storico del 1356 “Signoria di Montbel”;
Zona Portico del Castello: Le Antiche Corporazioni – Antichi mestieri Medievali “Valli Turris” – Musica tonante con la Arkana Pipe Band. Locanda “dei Pellegrini”.

Molto importanti sono anche i momenti dedicati alla partecipazione ai preparativi del palio, quando la città è da allestire con nastri e bandiere, i corridori si allenano, si preparano i costumi e le scenografie, lavorando in sinergia tra cittadini e organizzatori.

Alla fine quindi tre giorni di palio significa gestire e coordinare almeno 70 tipologie di partecipanti
tra:
– Gruppi storici (interni e non)
– Gruppi tornei di combattimento
– Gruppi artistici (interni e non)
– Bancarelle all’interno del Castello e lungo le vie
– Consulta Giovani, Consulta Disabilità e Associazione commercianti
– Altre associazioni del territorio e non
– 21 corridori e coach stranieri (in arrivo da Francia, Germania, Bulgaria)
– 10 corridori italiani a supporto
– 10 delegazioni ufficiali dai paesi invitati (amministratori di Francia, Germania, Bulgaria)
– Stewards, responsabili sicurezza, addetti antincendio, Croce verde, Vigili del fuoco
– Altri volontari a supporto della manifestazione

Una catena piramidale di gestione dell’evento che coinvolge in primis gli uffici comunali e di seguito Proloco, ASD Mediaetas, Ass.ne Commercianti e tanti volontari singoli o aderenti ad associazioni del territorio.
A tutti vanno i ringraziamenti dell’amministrazione! Perché senza collaborazione non sarebbe possibile realizzare un evento così complesso.

Qualche numero del lavoro svolto:
– 10 mesi di riunione di preparazione
– 2.000 metri di cavi elettrici posati
– 1.500 mq di erba tagliata
– 300 Fiocchi per addobbare
– 6000 metri di nastri di vario colore
– 2 Locande 1 Punto ristoro

I tre giorni di palio saranno quindi per la città occasioni per divertirsi, condividere, vivere il centro storico senza auto, liberi di passeggiare con tranquillità, socializzare con le persone e mangiare insieme, nelle due locande e nel punto ristoro, ma soprattutto tifare per il proprio Borgo nella corsa internazionale!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *