ALPIGNANO, IL POLIAMBULATORIO AL MOVICENTRO: “FATE IN FRETTA”

dall’UFFICIO STAMPA DI LIBERI E UGUALI

ALPIGNANO – Quest’oggi in aula l’Assessore Antonio Saitta ha risposto all’interrogazione urgente del Capogruppo di LeU Marco Grimaldi sul futuro del Poliambulatorio di Alpignano.

A fine giugno 2017, il gruppo LeU si era recato in sopralluogo al Poliambulatorio per verificarne lo stato, dopo una raccolta firme di cittadini che chiedevano di ripristinare i servizi cancellati e adeguare i locali fatiscenti. Il sopralluogo ha evidenziato numerosi problemi strutturali: stanze piccole, mancanza di sale d’attesa, pavimentazioni da rifare, barriere architettoniche, infiltrazioni. Mancanze che rendono l’edificio non più idoneo per ospitare i servizi evolutisi negli anni, ma il cui adeguamento avrebbe richiesto spese superiori a 300.000 euro.

I consiglieri Accossato e Grimaldi hanno pertanto chiesto di trovare una soluzione entro l’autunno. La Direzione di Asl To3, l’Assessore alla Sanità e il comune si sono orientati verso la ricerca di altri immobili in cui collocare il servizio, così è emersa la possibilità di utilizzare il vicino Movicentro, una struttura attrezzata e recente.

Dopo il sopralluogo del Direttore e del sindaco di Alpignano al Movicentro non abbiamo più avuto notizie, per questo abbiamo voluto sapere se il comune avesse disposto gli atti per la concessione dei locali” – affermano Accossato e Grimaldi – “Stando alla risposta dell’Assessore Saitta, la decisione è presa, si tratta solo di attendere un incontro del sindaco con RFI e l’adeguamento dell’immobile a cura dell’Asl. Ci auguriamo che il sindaco assuma in tutta fretta gli atti amministrativi necessari, perché il territorio non può essere privato del servizio sanitario pubblico“.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *