ALPIGNANO, LAVORI IN VIA CAVOUR E NOVITÀ PER LE FOGNATURE

di STEFANO TONIOLO

ALPIGNANO – Via Cavour verrà messa in sicurezza entro la fine dell’anno. Questo è quanto è emerso da un’interrogazione presentata dal Movimento Cinque Stelle nel consiglio comunale di ieri sera ad Alpignano. Il problema dell’incrocio tra via Cavour, via San Gillio e via I maggio era sorto, dopo che l’amministrazione aveva deciso di togliere in via sperimentale il semaforo all’incrocio con la conseguente modifica della viabilità.

Entro quanto verranno fatti gli interventi per migliorare la visibilità e per rifare la segnaletica orizzontale?” ha chiesto il consigliere Del Vecchio. A rispondere è stato l’assessore ai lavori pubblici, Maurizio Morra Di Cella: “Sono previste opere di messa in sicurezza, che consisteranno in una modifica dell’intersezione con la realizzazione di uno spartitraffico centrale, la ridefinizione geometrica dei parcheggi per garantire maggiore visibilità e attraversamenti pedonali rialzati in modo da aumentare la tendenza al rallentamento delle autovetture. Gli interventi verranno effettuati entro l’anno“.

Il consiglio comunale ha poi dato spazio al rinnovo della convenzione con il consorzio irriguo e di miglioramento fondiario della bealera di Rivoli per permettere ad alcune zone del comune di Alpignano (Col Giansesco e l’area “ex Olivotto”) di scaricare le acque bianche all’interno della bealera stessa, in quanto sprovviste di fognature. La convenzione, scaduta a fine anno 2017, costerà 10.000 euro all’anno e durerà cinque anni.

Nella convenzione sono anche previste alcune opere per garantire gli spazi per le manutenzioni alla bealera, perché ci sono alcuni punti in cui il consorzio non riesce a effettuare la manutenzione” ha affermato l’assessore Morra di Cella. Però alcuni dubbi si sono levati tra le fila della maggioranza.

Purtroppo abbiamo dovuto constatare che non abbiamo alternative – ha commentato il capogruppo di “Siamo Alpignano” Talarico – spero che la soluzione sia il più possibile temporanea in attesa della realizzazione attraverso Smat di un’opera fognaria per le acque bianche e uscire dalla convenzione“.

Spero che si possa ovviare a questo problema tramite Smat” gli ha fatto eco Cosimo Di Maggio, capogruppo del Movimento Cinque Stelle.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *