RIVOLI, IN CONSIGLIO COMUNALE POLEMICHE SUL BLOCCO DEL TRAFFICO

di STEFANO TONIOLO

RIVOLI – Dopo la disposizione del blocco per i veicoli diesel fino a Euro 3 da parte di Città Metropolitana, ieri in consiglio comunale è intervenuta la minoranza rivolese, che ha esposto alcune perplessità. Il blocco del traffico entrerà in vigore dal 1° ottobre e sarà valido dalle ore 8 fino alle 19.

Sulla questione Forza Italia ha presentato un ordine del giorno urgente, dibattuto durante il consiglio comunale di ieri sera. “Questa limitazione, stabilita per l’intera giornata lavorativa, è penalizzante per tanti cittadini – ha spiegato il consigliere comunale di Forza Italia Francesco Senatore – la Regione Piemonte sinora non ha promosso iniziative per la concessione di appositi contributi per la sostituzione di tali tipologie di veicoli“.

Sul territorio rivolese molte persone saranno penalizzate – gli ha fatto eco il capogruppo di Forza Italia, Alfonso Lettieri – molti lavoratori iniziano a lavorare alle otto e molte aziende chiudono alle ore 17. Le persone come faranno ad andare a lavorare e a tornare a casa?“.

A rispondere a Forza Italia è stato l’assessore all’ambiente, Massimo Fimiani. “Ho partecipato ad un tavolo tecnico a riguardo. I dubbi che avete espresso se li è posti anche l’amministrazione. I problemi ci sono. Il blocco del traffico affonda le radici nel tempo: il blocco degli euro 3 era previsto già da tempo. Tutte le questioni noi le abbiamo affrontate in modo serio al tavolo di Città Metropolitana coordinato dal vicesindaco Marocco. Domani uscirà una delibera di giunta regionale che prevederà delle deroghe e la prossima settimana emetteremo l’ordinanza e mi auguro che tuteli chi deve lavorare. Nella bozza di ordinanza di Città Metropolitana sono previste delle deroghe anche per gli ultra-settantenni“.

Tuttavia l’ordine del giorno è stato soggetto a un emendamento presentato dal Movimento Cinque Stelle e poi votato all’unanimità che di fatto impegna il sindaco “a sollecitare la Regione Piemonte affinché renda disponibili i fondi del ministero per il rinnovo del parco auto“.

Pensiamo che la politica debba fare la sua parte ad ogni livello e su questo i primi dovrebbero essere la Regione e lo stato centrale e poi anche il Comune” – ha commentato il consigliere Giovanni Verna del Movimento Cinque Stelle. “Io più volte ho chiesto di ragionare di provare a reperire le risorse per un biglietto unico durante il blocco del traffico – ha commentato poi in seconda battuta Fimiani – l’impegno da parte dell’amministrazione ci sarà. Non tutti lavorano a Torino, dove si possono prendere dei mezzi pubblici. Nelle precedenti ordinanze abbiamo sempre fatto lo sforzo per aprire il più possibile i percorsi per il raggiungimento delle grandi arterie di viabilità“.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *