ALPIGNANO, TUTTE LE NOVITÀ DEL PALIO DIJ COSSOT

dalla PRO LOCO ALPIGNANO

ALPIGNANO – L’uovo di Pasqua porta come sorpresa il lancio della XIXª edizione del Palio dij Cossot, storica manifestazione dell’estate di Alpignano che da quest’anno è organizzata direttamente dalla locale Pro Loco in programma dal 20 al 23 luglio che per l’occasione lancerà anche una ricca lotteria con premi del valore di oltre 5.000 euro.

I capisaldi della manifestazione continuano ad essere la processione di San Giacomo e la corsa delle zucche, oltre alla rievocazione delle gesta dei Provana che nel 1678 governavano la cittadina. Accanto al 1678, da un paio di anni si è affiancata la rievocazione della Signoria dei Montbel che nel Medioevo e per i 250 anni successivi hanno regnato su queste terre; è così che nel Parco del Castello viene ricreato un grande spaccato di vita del 1356 con una ventina di gruppi storici provenienti da Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte che si cimentano in tornei di combattimento in armatura, sfide con l’arco e la scherma, lanci con le catapulte e le frecce infuocate.

Nella zona del ponte vecchio la sfida invece è tra le bande armate dei mercenari francesi e le truppe del Conte Provana che si scontrano per la conquista del territorio. In entrambi i casi verranno montati accampamenti che riproducono fedelmente scene di vita quotidiana del tempo con oltre 300 figuranti in costume.

Ma non solo. Ci saranno anche spettacoli di giocoleria, equilibrismo e fuoco con le compagnie dei “Giullari del Carretto” e di “Foco Loco”, la simpatia dei giochi ricostruiti e proposti da Prezzemolo, la tenda delle streghe con magiche pozioni, la possibilità di sperimentare giochi medievali come il Kubb e il Korn-Hole, le note di “MusiKantica in Itinere”.

Sarà innalzato l’albero della cuccagna, un palo alto 10 metri e ben ingrassato a disposizione di tutte le squadre spontanee di Torino e della Valle di Susa che vorranno salire in cima a prendersi i premi. Si esibirà Barba Brisu, uno scultore di Borgo San Dalmazzo (Cuneo) che partirà da un tronco di due metri per realizzare una scultura con il solo aiuto di una motosega.

La centrale via Roma sarà trasformata in “Fattinstrada”, dove l’Accademia del Gioco Dimenticato proporrà con l’aiuto delle associazioni di volontariato ben 35 giochi di strada per bambini, adulti e ragazzi: un’occasione unica per divertirsi in modo alternativo con la presenza anche dei “Giochi dell’Arca” di Cumiana e del Barro di Bussoleno.

La gastronomia sarà presente in forze nelle vie e nelle piazze della manifestazione con locande ormai storiche, mescita di vino e birra, l’antica Topia dell’Audido con grandi panini, la porchetta dop di Ariccia servita ai gruppi medievali, le prelibatezze del territorio proposte dai commercianti di Alpignano e dai Coltivatori Diretti.

Grande novità del 2018 sarà la prima edizione del Torneo dei Borghi con quattro prove: oltre alla corsa delle zucche, i borghi si cimenteranno nel tiro con l’arco, nel tiro alla fune e nel Korn-Hole (un vecchio gioco, antesignano delle bocce). Giudici qualificati veglieranno sul corretto esito di tutte le prove che potranno essere sperimentate anche da tutti i cittadini che lo vorranno. Il tifo e l’adrenalina saliranno così alle stelle già nel tardo pomeriggio di sabato per spegnersi solo la domenica sera ai piedi dei vincitori.

Le due giornate vivranno anche momenti culturali grazie alla mostra sugli abiti storici realizzata all’ex Opificio Cruto, alle opere che verranno create dagli scultori del gruppo Valdora e dai membri del Gruppo Pittorico Pinzi, alla didattica sulla calligrafia antica proposta dall’associazione “Dal segno alla scrittura” di Torino, al concerto d’organo tenuto nella chiesa parrocchiale di San Martino.

I momenti coreografici saranno assicurati da spettacoli di fuoco serali, dal corteo dei pellegrini di sabato sera, dal grande corteo di tutti i figuranti di domenica pomeriggio, dalle esibizioni degli sbandieratori che si sfideranno in piazza parrocchia al termine della processione, dalle esibizioni equestri nel campo di Marte della domenica sera, il tutto attorniato da bancarelle artigianali molto particolari.

Le giornate del palio saranno introdotte nella serata di venerdì 20 luglio con una grande cena medievale in costume a cui seguirà la consegna del Cossot d’Oro, il premio alla migliore vetrina del palio, il premio al più bel balcone fiorito con i colori del proprio borgo, il premio a Miss Palio 2018. La conclusione sarà come tradizione riservata alla Società Filarmonica di Alpignano lunedì 23 luglio quando si terrà in serata il concerto di San Giacomo in piazza Parrocchia.

Tutto il mese di luglio vivrà comune all’insegna del Palio, tra l’altro  con due appuntamenti; il 7 luglio arriva “Aspettando il Palio”, serata di cibo e di musica con street food e il gruppo dei “Vampa di Lumera”. Il 14 luglio si correrà il “Minipalio” in piazza Caduti con possibilità di fare insieme un bel pic-nic e di assistere a uno spettacolo di burattini.

La Pro Loco di Alpignano augura a tutta la cittadinanza, ai borghi, alle associazioni alpignanesi, ai gruppi storici provenienti da altri comuni di vivere le giornate del palio con spensieratezza e allegria, lasciandosi coinvolgere dalle tante iniziative proposte.

Le novità, gli eventi, il programma saranno sempre consultabili sulla pagina Facebook della Pro Loco di Alpignano e anche sul sito del comune.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *