RIVALTA, IL PROGETTO PER RIAPRIRE LO STABILIMENTO FIAT

dall’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI RIVALTA

RIVALTA – Dopo mesi di proficuo e costruttivo confronto con i tecnici e i dirigenti di FCA Partecipazione, società del gruppo che si occupa della gestione immobiliare degli stabilimenti ex FIAT, nei giorni scorsi è stato depositato in comune il progetto di riutilizzo di una grandissima parte dello stabilimento FIAT.

Si tratta di un intervento che interesserà ben 340.000 mq di superficie, di cui 40.000 di nuova costruzione, su cui si svilupperanno le principali attività di logistica e ricambi avanzata dell’intero gruppo FCA.

In questi mesi sono iniziati i primi lavori di demolizione e pulizia dell’area interessata, mentre l’intera operazione avrà uno sviluppo completo nell’arco dei prossimi tre anni.

Bentornata FIAT a Rivalta!!–  afferma il sindaco di Rivalta Nicola de Ruggiero – “Dal primo giorno del nostro insediamento in comune abbiamo lavorato per dare nuova vita al nostro principale polo industriale, che ha accolto e dato lavoro a migliaia e migliaia di lavoratori per oltre trent’anni. Un’attività che ha impegnato i nostri uffici per mesi in un confronto con i professionisti di FCA, che ringrazio“.

Il progetto presentato da FCA occuperà tutti gli spazi a disposizione dell’area di Tetti Francesi. Ancora il primo cittadino rivaltese: “L’amministrazione comunale è disponibile a discutere di un ulteriore ampliamento delle potenzialità del sito di Rivalta, qualora FCA volesse portare da noi anche altre attività. La città di Rivalta si candida infatti a diventare il centro del sempre più variegato mondo del settore della logistica di FCA e siamo certi che questa iniziativa darà un grande contributo alla lotta alla disoccupazione che rappresenta la vera angoscia di moltissimi cittadini“.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ufficio stampa

 

via Balma 45 | 10040 Rivalta di Torino | 011-904.55.160 | 338-76.85.709

 

ufficiostampa@comune.rivalta.to.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *